#Giovani e la promozione della salute, conosciamo DiTestaMia Health Promoting Guys

LUCCA – Torniamo a parlare di giovani con un’altra associazione molto attiva sul territorio di Lucca e Capannori, DiTestaMia HPG, questa volta nell’ambito della promozione della salute del benessere giovanile. A raccontarcela il Presidente, Emmanuele Papi.

– Com’è nata DiTestaMia?

L’associazione DiTestaMia HPG è nata dalla voglia di continuare l’esperienza vissuta al “Campus della Salute” della Regione Toscana nel 2009. La Regione, in collaborazione con le varie Asl del territorio, promosse un bando di concorso, il quale prevedeva la presentazione di un progetto di empowerment per il benessere e la salute della popolazione giovanile. Gli spunti di riflessione toccarono cinque interessanti categorie tematiche, quali: l’individualità e conformismo, l’amore e sessualità, il corpo e immagine, le reti e relazioni, il rischio e divertimento. Lo spirito di amicizia, di lavoro di gruppo e di riflessione provati durante le attività del Campus ci hanno spinto a costituire l’associazione DiTestaMia Health Promoting Guys: un’associazione di giovani per giovani.

– Da quanto tempo vi siete costituiti e come è stato dar vita a una struttura compatta? Avete incontrato delle difficoltà?

L’associazione è stata fondata nell’Aprile del 2010. Dar vita ad una struttura compatta e quindi costituire la DiTestaMia è stato molto interessante, in ogni suo aspetto: sia a dal punto di vista relazionale sia dal punto di vista amministrativo. Tutto ciò ci ha permesso di crescere, fare nuove amicizie ed esperienze divertenti. Detto questo, bisogna anche dire che ci sono state alcune difficoltà, perché lavorando principalmente con concetti complessi come il benessere e la salute e utilizzando metodologie di tipo relazionale non è semplice per noi trasmettere la nostra identità e i nostri obiettivi.

– Qual è l’obiettivo dell’Associazione?

L’obiettivo principale del DiTestaMia è la promozione del benessere e della salute nei giovani e non solo. Il nostro lavoro si concentra prevalentemente sulla persona e sul suo ambiente di vita. Lo sviluppo di buone e sane relazioni è il nostro obiettivo. Per fare questo utilizziamo la metodologia della “peer education” – educazione tra pari – che si contrappone in qualche modo all’intervento esterno, adulto e distante, spesso interessante ma meno incisivo. Ciò permette lo sviluppo delle “life skills”, ovvero le cosiddette abilità di vita, per una crescita individuale e sociale volta al benessere.

– Quanti sono attualmente i soci o comunque coloro che sono attivi?

Ad oggi, i soci DiTestaMia sono 36, di cui più della metà attivi nelle varie attività promosse dall’Associazione.

– Fino ad ora quali sono state le attività principali che avete portato e che portate avanti e come vi sostenete come realtà associativa?

Le attività dell’associazione sono diverse:

  • Collaboriamo con il reparto di “Educazione e Promozione della Salute” dell’Asl 2 di Lucca per quanto riguarda il progetto della “peer education” nelle scuole della Provincia di Lucca (percorso Mafalda, Amici per la Vita junior e Amici per la Vita senior).
  • Abbiamo partecipato al “Progetto Ultimora” coordinato dal Ceis di Lucca: DiTestaMia HPG ha collaborato con le associazioni del territorio, il Comune di Lucca, il Comune di Capannori e la “Educazione e Promozione alla Salute” dell’Asl 2 di Lucca per sensibilizzare, anche tramite il social, i giovani alla sessualità responsabile e consapevole e alla conoscenza del Test HIV anonimo e gratuito.
  • Abbiamo creato il progetto “Coriandoniamo2015”: nel mese di Febbraio 2015 DiTestaMia ha deciso di promuovere il messaggio dell’importanza del dono e, grazie a una raccolta fondi, siamo riusciti ad acquistare dei libri da donare ai bambini ricoverati presso il reparto di pediatria dell’ospedale San Luca di Lucca e per la casa famiglia di Santa Margherita. Nell’occasione sono state organizzate anche attività di animazione coinvolgendo altri giovani, perché il dono non è solo materiale, ma anche di tempo, sorrisi, ecc.
  • Negli anni abbiamo poi partecipato a diversi meeting, come quelli organizzati dalla SIPS (Società Italiana per la Promozione della Salute) a Siena e a Matera, per presentare l’Associazione e abbiamo organizzato una serie di campus di formazione, sia interni sia indirizzati ai ragazzi delle scuole superiori.
  • Un progetto molto importante è stato anche il flash mob contro l’abbandono scolastico che l’Associazione ha promosso nell’estate 2014, riuscendo ad attivarlo per il 5 ottobre successivo simultaneamente in diverse città italiane.
  • Sempre nell’estate 2014 sono stati realizzati due importanti eventi alla riscoperta del nostro territorio all’insegna del rapporto tra salute e ambiente: una passeggiata guidata sul fiume Serchio, seguita da una lezione di yoga, e una giornata sul lago della Ghelardesca a Capannori, con una guida ambientale, una cena al tramonto con un trio d’archi e gli Astrofili Lucchesi.

– Cosa significa per te far parte di DiTestaMia?

Per me DiTestaMia è Amicizia. Gruppo. Fiducia. Benessere. Solidarietà. Divertimento. Crescita personale a 360 gradi. Ve la consiglio!

– So che siete impegnati in una serie di progetti, cosa riguardano?

Si, attualmente abbiamo diversi progetti attivi:

  • Collaboriamo come partner con l’Associazione “Donatori Sangue Vallisneri” alla realizzazione di un video di sensibilizzazione alla donazione del sangue: tema molto importante per tutta la comunità.
  • Portiamo avanti il progetto di “peer education” nelle scuole superiori di Lucca, quest’anno sul tema dell’affettività.

Vi invito Giovedì 18 Febbraio 2016 al T – Caffè a Lucca per una serata di musica e divertimento. Un’occasione per conoscere DiTestaMia, che nell’occasione promuoverà le attività future dell’associazione. Ci sarà da divertirsi! Vi aspettiamo!